Prati di Tivo, M5S: “Ancora nessuna strategia da Regione e Provincia

rilancio di Prati di Tivo

Da mesi il Movimento 5 Stelle denuncia un completo immobilismo sul rilancio di Prati di Tivo.

Dopo l’incontro organizzato dalla Provincia nei primi giorni di luglio, “infatti, si attende ancora l’elaborazione di una chiara strategia per il rilancio della principale stazione montana della provincia di Teramo”.

“Ancora in sospeso anche la nomina del nuovo liquidatore della Gran Sasso spa dopo la scadenza del bando datato 30 giugno 2018“. Il Movimento 5 Stelle auspica, infatti, che “nella selezione del nuovo liquidatore che dovrà gestire una situazione molto complessa si eviti, come negli ultimi anni, di anteporre gli interessi politici e di partito a quelli del territorio, scegliendo un professionista qualificato e di elevata esperienza.

È responsabilità della Regione, a cui per legge compete il settore turismo, mettere a disposizione un budget congruo per la promozione della stazione turistica e, parimenti, è compito della Provincia attivarsi immediatamente con la pubblicazione del bando per la gestione della cabinovia e con la programmazione della prossima stagione invernale la quale, come più volte ribadito, va fatta con ampio anticipo anche per non danneggiare ulteriormente gli operatori economici”.

“Sono estremamente stupito di come l’Assessore al Turismo Giorgio D’Ignazio non abbia ancora speso nemmeno una parola sul rilancio dei Prati di Tivo.” – commenta il deputato Fabio Berardini – “Come Movimento 5 Stelle abbiamo chiesto di istituire un tavolo di lavoro che coinvolgesse rappresentanti istituzionali ed operatori economici ma fino ad oggi non è stato fatto nulla. Questa situazione deve essere affrontata e risolta il prima possibile. Registriamo, invece, l’assenza dell’Assessore D’Ignazio che pare stia continuando a fare la figura dello struzzo, nascondendo la testa sotto il terreno”.

“Oggettivamente il versante teramano è stato sfavorito rispetto alle altre aree montane della nostra Regione, sia in termini infrastrutturali (ad esempio la mancanza di uno sportello Bancomat o strade in una situazione di abbandono) che di budget.” – aggiunge il deputato Antonio Zennaro – “Serve un importante cambio di passo, chiediamo non solo alle strutture politiche della Regione una maggiore attenzione per la montagna teramana ma ci rivolgiamo anche alla struttura tecnica, affinché vengano bilanciate le risorse tra i vari territori (anche a livello di Masterplan), sentiamo solo parlare di Costa dei Trabocchi o delle solite stazioni sciistiche come Roccaraso ed Ovindoli” – conclude Zennaro.

Il Movimento 5 Stelle chiede un programma di sviluppo serio e organico che riguardi tutto il comprensorio montano della provincia teramana.

 

++ TASSE AZIENDE SISMA 2009 ++

+ CONCESSA PROROGA DI 300 GIORNI +

Il Governo precedente aveva già avviato la procedura di riscossione e rischiava di mettere in difficoltà centinaia di imprese della nostra Regione.

Per fortuna il Governo Conte è intervenuto con questa proroga di 300 giorni e sta lavorando per risolvere definitivamente la questione.

I prossimi tavoli tecnici verranno effettuati a Roma.

Questi sono risultati concreti.

#GovernodelCambiamento

Dl terremoto: M5S, ora neutralizzare procedura aiuti Stato

ROMA, 19 LUG – “L’Europa deve rendersi conto che
sostenere le popolazioni terremotate è un dovere e non un modo
per drogare l’economia o fare concorrenza sleale. Con la
conversione in legge del dl terremoto abbiamo rimesso in
carreggiata la ricostruzione nel Centro Italia, ma ora non
devono metterci bastoni tra le ruote. Per questo noi del
Movimento 5 Stelle abbiamo presentato un ordine del giorno,
approvato da tutti i partiti oggi alla Camera, che impegna il
governo a ridiscutere il concetto di ‘aiuto di Stato
illegittimo’ e neutralizzi le procedure di riscossione aperte o
in via di apertura”. Così i deputati M5S abruzzesi Fabio
Berardini e Antonio Zennaro riferiscono dell’approvazione
dell’ordine del giorno approvato oggi in occasione della
conversione in legge del decreto terremoto.

Dl terremoto: M5S, con nostro odg abbattimento carico fiscale

ROMA, 19 LUG – “Con un nostro ordine del
giorno approvato oggi alla Camera abbiamo chiesto al governo di
adottare misure che abbattano il carico fiscale che grava sulle
popolazioni delle aree colpite dal sisma del Centro Italia”. Lo
affermano i deputati M5S abruzzesi Fabio Berardini e Antonio
Zennaro.
“Il decreto convertito in legge oggi rappresenta un ottimo
stimolo per la partenza effettiva della ricostruzione e
introduce importanti facilitazioni per imprese e cittadini. I
prossimi provvedimenti, a cominciare da decreto proroghe e legge
di Stabilità, dovranno anche diminuire in maniera sostanziale il
carico tributario, dei contributi previdenziali ed assistenziali
e dei premi di assicurazione che i contribuenti colpiti dal
sisma dovranno rimborsare a partire da gennaio 2019. Se non si
lasciano respirare cittadini e imprese la vera ricostruzione,
quella delle comunità del Centro Italia, rimarra’ una chimera”,
concludono.

Curriculum Vitae. Antonio Zennaro, movimento 5 stelle

Antonio Zennaro, nel suo curriculum vitae, annovera molte importanti collaborazioni prima dell’elezione con il Movimento 5 stelle. Nato il 31 agosto 1983 è attualmente portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati, membro della V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione e membro della VI Commissione Finanze.

I titoli di studio conseguiti

  • Diploma di Ragioniere e Programmatore presso l’ITCG “G. Maddalena” di Adria (RO) – votazione 98/100.
  • Laurea triennale in “Marketing e gestione delle imprese” presso l’Università “Ca Foscari” di Venezia.
  • Laurea Magistrale in Diritto ed Economia presso l’Università “Luiss Guido Carli” di Roma – votazione 110/110

hanno consentito al deputato di poter impiegare la formazione ricevuta, anche attraverso un numero importante di seminari e corsi di specializzazione,

  • Luiss Business School – Executive Program in Project Risk Management.
  • Luiss Business School – Corso in Advanced Management Program
  • Summer School 2007 in Economia e Welfare, organizzata dalla Fondazione Magna Carta di Roma.
  • Partecipazione alle giornate di formazione EDHEC-Risk Days Europe 2014.
  • Corsi di formazione organizzati da Bloomberg su Fixed Income, strumenti Derivati e strumenti finanziari.
  • Seminari sulla Sinderesi, la sussidiarietà, mappe e rotte di esplorazione presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma

nello sviluppo di un curriculum vitae lavorativo di tutto rispetto che lo ha visto ricoprire con costanza e successo posizioni all’interno degli uffici di cui ha fatto parte nel corso degli anni. Partendo dal settore bancario fino ad arrivare a quello previdenziale con una particolare specializzazione nell’ambito del Risk Management.

Da Febbraio 2013 a Marzo 2018

Risk Manager presso Fondazione Enasarco
Mansione: responsabile del controllo su tutto il patrimonio finanziario.

Da Settembre 2012 a Gennaio 2013

Addetto in staff presso la Funzione Controllo del Rischio presso Fondazione Enasarco

Da Maggio 2011 ad Agosto 2012

Responsabile del Settore PAC presso la sede di Roma di Banca Nuova Terra S.p.A. ora Popolare di Sondrio

Da Febbraio 2010 ad Aprile 2011

Addetto in staff al Responsabile Settore PAC e Crediti Speciali presso Banca Nuova Terra S.p.A. ora Popolare di Sondrio

Da Marzo a Dicembre 2009

Impiegato presso l’Agenzia n.2, BNL– BNP Paribas S.p.A. in Roma

Da Settembre 2008 a Marzo 2009

Stagista presso l’Ufficio Customer Satisfaction della Direzione Generale di Roma di BNL– BNP Paribas S.p.A.

Antonio Zennaro è stato inoltre dal 2013 al 2018 presidente del Comitato di Controllo del Fondo di Private Equity Atmos II (settore energie rinnovabili) gestito da Quadrivio SPA SGR e cofondatore della Start-up innovativa Aztrading SRL, trovando il tempo di coltivare il proprio interesse per la ricerca attraverso la pubblicazione un testo intitolato “Enti locali e strumenti derivati” sulla rivista scientifica “Amministrazione in Cammino” e di un ebook dal titolo “Warren Buffett Style”, la raccolta più completa delle citazioni di Warren Buffett, noto imprenditore ed economista statunitense. Il deputato possiede inoltre un’ottima conoscenza della lingua inglese, del pacchetto Office e dei programmi l’analisi finanziaria Bloomberg e Morningstar.

Antonio Zennaro. Il curriculum del portavoce 5 stelle alla Camera

Antonio Zennaro, attuale portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati, ha un curriculum lungo e denso per la sua giovane attività. Dagli studi di ragioneria fino alla Luiss e al lavoro in Enasarco.

Membro della V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione e membro della VI Commissione Finanze, nasce a Padova il 31 Agosto del 1983: dopo aver  conseguito con una votazione di 98/100 il diploma di Ragioniere e programmatore presso l’ITCG “G. Maddalena” di Adria (RO), decide di proseguire gli studi scegliendo
di focalizzare la sua attenzione sul corso di Laurea Triennale in “Marketing e gestione delle imprese” presso l’Università “Ca Foscari” di Venezia.

Il curriculum di Antonio Zennaro: dalla Luiss al lavoro in Enasarco

Un periodo di fondamentale importanza quello veneziano, il quale decide di spostarsi a Roma per proseguire gli studi, specializzandosi in Diritto ed Economia presso l’Università “Luiss Guido Carli” di Roma, ottenendo la Laurea Magistrale con votazione 110/110. La preparazione formativa di Antonio Zennaro si è mantenuta costante nel corso degli anni: il deputato ha infatti aggiunto al suo curriculum vitae diversi corsi di aggiornamento e specializzazione presso la Luiss Business School, atti al raggiungimento di una preparazione completa in Risk Management. Tra i seminari
seguiti in passato è possibile notare la Summer School 2007 in Economia e Welfare, organizzata dalla Fondazione Magna Carta di Roma e la partecipazione alle giornate di formazione EDHEC-Risk Days Europe 2014.

Tra le esperienze formative di Antonio Zennaro non mancano i corsi organizzati da Bloomberg su Fixed Income, strumenti Derivati e strumenti finanziari e seminari sulla Sinderesi, la sussidiarietà, mappe e rotte di esplorazione presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma.

Per ciò che concerne le attività lavorative di Antonio Zennaro, gli studi indicati nel curriculum hanno trovato pieno compimento fin da subito: dapprima presso la BNL– BNP Paribas S.p.A. dove ha svolto attività da stagista dal Settembre 2008 a Marzo 2009 presso l’Ufficio Customer Satisfaction della Direzione Generale di Roma ed ha poi proseguito dal Marzo 2009 al dicembre 2009 la sua esperienza lavorativa come impiegato presso l’Agenzia n.2, in Roma.

Il deputato ha continuato la sua formazione bancaria presso l’ex Banca Nuova Terra S.p.A., ora nel gruppo Banca Popolare di Sondrio dapprima dal febbraio 2010 all’aprile 2011 come addetto in staff al Responsabile Settore PAC e Crediti Speciali ed in seguito dal maggio 2011 all’agosto 2012 come Responsabile del Settore PAC presso la sede di Roma.

Nel settembre 2012 è iniziato il percorso di Antonio Zennaro presso la Fondazione Enasarco, ente di previdenza degli agenti di commercio e dei consulenti finanziari: fino a gennaio 2013 ha ricoperto il ruolo di addetto in staff presso la Funzione Controllo del Rischio per poi divenire dal febbraio 2013 a Marzo 2018 Risk Manager, ovvero responsabile del controllo su tutto il patrimonio finanziario.

Non sono mancate nel curriculum vitae di Antonio Zennaro, del Movimento 5 stelle, altri ruoli nel settore finanziario o imprenditoriali: dal 2013 al 2018 il deputato ha infatti ricoperto il ruolo di presidente del Comitato di Controllo del Fondo di Private Equity Atmos II (settore energie rinnovabili) gestito da Quadrivio SPA SGR ed è stato
cofondatore della Start-up innovativa Aztrading SRL.

Impegnato anche nella ricerca, il deputato pentastellato ha pubblicato un testo intitolato “Enti locali e strumenti derivati” sulla rivista scientifica “Amministrazione in Cammino” ed un ebook dal titolo “Warren Buffett Style”, la raccolta più completa delle citazioni di Warren Buffett, imprenditore ed economista statunitense considerato il più grande value investor di sempre. In passato ha collaborato con diverse testate finanziarie attraverso la stesura di articoli.

Antonio Zennaro possiede sia un’ottima conoscenza del pacchetto Office (Word, Excel, FrontPage, PowerPoint) sia dei software per l’analisi finanziaria Bloomberg e Morningstar. Parla e scrive un inglese fluente.

Movimento 5 Stelle: riaprire il campeggio dei Prati di Tivo

“Il problema della montagna teramana e della sua carenza di servizi ed infrastrutture di base deve diventare un tema centrale dell’agenda politica regionale. Troppo spesso la Regione Abruzzo ha favorito il versante Aquilano e Pescarese della montagna lasciando sole le comunità del nostro territorio, basti solo pensare che mancano gli sportelli bancomat e la Regione con il suo Assessorato al Turismo non hanno messo in essere nessun atto volto ad evitare questa situazione.”

#PratidiTivo
#Pietracamela

Valle Castellana incontro con il Sindaco per affrontare i problemi delle aree interne

Oggi a Valle Castellana: un ringraziamento al Sindaco ed a tutti gli amministratori per la disponibilità dimostrata.

Abbiamo incontrato una comunità che ha subito le ferite del terremoto ma grazie anche al contributo dei propri amministratori e forte della sua storia, è volonterosa di proiettarsi verso il futuro.

A Valle Castellana abbiamo riscontrato una carenza rilevante di infrastrutture di base come la scarsa manutenzione delle strade provinciali, la mancanza di uno sportello bancomat e pure di una ricezione GSM in gran parte del Comune.

Se vogliamo evitare lo spopolamento delle aree interne e favorire il turismo, serve da SUBITO un forte impegno di tutti gli attori competenti (Es. Provincia, Regione, Ente Parco, Bim).

Lato nostro faremo tutti il possibile per aiutare sul piano legislativo nazionale questi territori.

#ValleCastellana
#Montagnateramana
#Ilventoecambiato